AIMA sul territorio: serata a Verrone

Dopo Candelo, prosegue a Verrone il ciclo di incontri “Alzheimer come affrontare la sfida” per informare e sensibilizzare sul decadimento cognitivo e sulle attività di prevenzione.

Appuntamento venerdì 13 maggio alle 20.30 nella Sala Falseum, ingresso gratuito e libero.

Nuova edizione del corso per volontari

AIMA Biella promuove un corso di formazione per volontari già in attività o interessati a entrare in associazione.
Il corso si compone di sei incontri tra il 19 aprile e il 4 maggio 2022. Lo scopo del corso è formare, approfondendo il significato e le modalità del loro ruolo nel contatto diretto al domicilio con famiglie e persone in carico al CDCD (Centro Diagnosi e Cura delle Demenze) dell’ASL Biella e acquisendo conoscenze sulle demenze, sul valore della comunicazione interpersonale, della relazione di aiuto e dell’ascolto. Iscrizioni e informazioni alla segreteria del centro Mente Locale 015.401767 o via email ai contatti di AIMA Biella

Corso Volontari AIMA 2022 Programma e calendario

Martedì 19 Aprile: LA MALATTIA
Dottoressa Elena Ortone, dirigente medico della Struttura Geriatria Post Acuzie dell’Asl Biella

Mercoledì 20 Aprile: AFFRONTARE IL DECLINO
Franco Ferlisi, presidente AIMA Biella

Martedì 26 Aprile: VIVERE e CONVIVERE
Nadia Bonino, formatrice, operatrice sociosanitaria

Mercoledì 27 Aprile: LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI
Dottoressa Stefania Caneparo, coordinatrice Psicologhe “Mente Locale”
Stefania Papa, Infermiera Centro Diagnosi e Cura Demenze Asl Biella

Martedì 3 Maggio: INGREDIENTI PER LA QUALITÀ DELLA VITA
Dottoressa Luisa Gardin, terapista occupazionale

Mercoledì 4 Maggio: I DIRITTI
Dottoressa Gabriella Braggion, assistente Sociale – AIMA Biella

Martedì 10 maggio conclusione con la proiezione del film “PerdutaMente” di Paolo Ruffini e Ivana Di Biase a cui seguirà discussione

Le lezioni si svolgono al centro d’incontro Mente Locale di via A. Gramsci 29 a Biella, dalle 17.30 alle 19. Capienza massima: 15 posti.

Domiciliarità: primi risultati del progetto con APB

Primo bilancio positivo per il progetto di attività domiciliari che è nato dalla collaborazione tra AIMA Biella e l’Associazione Amici Parkinsoniani Biellesi (APB). Intitolato “Possiamo, dobbiamo, vogliamo vivere”, il progetto è stato finanziato dalla Fondazione CRB attraverso il bando “Ripartiamo insieme”, uno strumento attivato in sinergia con Biverbanca Spa Gruppo Cassa di Risparmio di Asti per sostenere il territorio Biellese nella Fase 2.
Quattro le attività che coinvolgono AIMA Biella e che hanno avuto da luglio, mese di inizio del progetto, un ottimo riscontro anche se in questi giorni il nuovo lock down in cui è entrato il Piemonte comporterà probabilmente qualche cambiamento.

Stimolazione cognitiva domiciliare
Le persone che hanno partecipato da luglio sono quindici, oltre il target previsto di 10, e la prospettiva sarebbe quella arrivare a 20 entro la fine dell’anno, termine di conclusione del progetto, compatibilmente con l’evoluzione dell’emergenza sanitaria.
La stimolazione cognitiva domiciliare consiste in una “palestra della memoria” con esercitazioni specifiche che le persone possono fare a casa loro con l’assistenza in presenza di Stefania Caneparo, psicologa di Mente Locale. Gli incontri durano 1 ora e sono settimanali. Sono stati offerti da 8 a 12 incontri a persona a seconda dello stato cognitivo riscontrato. Il nuovo lock down entrato in vigore il 6 novembre comporterà un ripensamento del servizio ma l’obiettivo resta quello di non lasciare le persone da sole.

Stimolazione cognitiva a distanza
Iniziata in via sperimentale durante la chiusura in primavera con una cinquantina di partecipanti, questa attività è proseguita online grazie al progetto con APB mentre una parte di persone è rientrata nei gruppi in presenza a Mente Locale. A partire da luglio sono state 28 le persone che hanno partecipato online sia ricevendo via email le esercitazioni mensilmente, sia attraverso un contatto mensile via Skype o Whatsapp. Tre persone over 75 hanno anche partecipato a due incontri di un’ora ciascuno su Skype come “classe virtuale” guidata dalla psicologa.

Assistenza sociale a domicilio
Dal momento di inizio del progetto a luglio e fino al lock down di inizio novembre, le persone seguite sono state 22 per un totale di 40 ore di servizio.

Sportello telefonico AIMA Ti Ascolta
Altra attività che è stata avviata col lock down primaverile e che ora prosegue con rinnovato impegno. Le ore erogate finora sono 18 con una stima di circa una quarantina di utenti, alcuni dei quali hanno chiamato più volte. Il servizio di Sportello telefonico AIMA Ti ascolta attivo dalle 13 alle 16 da lunedì a giovedì. Il numero è sempre 338.3548345 e risponde l’assistente sociale Gabriella Braggion. Il servizio è gratuito ed è rivolto agli anziani soli e a tutti coloro che se ne prendono cura. Attraverso lo Sportello si possono avere informazioni sulle attività di AIMA, sulle iniziative di sostegno degli anziani e, soprattutto, si può ricevere sostegno e compagnia.

AIMA approva bilancio e nuovo statuto

Sabato 24 ottobre 2020 l’assemblea sociale di AIMA Biella ha approvato il bilancio del 2019 e l’adeguamento dello statuto alla nuova legislazione del Terzo Settore.
Adempimenti che si sarebbero dovuti chiudere nella primavera del 2020 ma che, per effetto delle proroghe contenute nei vari DPCM, sono slittati per tutte le associazioni alla fine di ottobre.

Bilancio 2019: in crescita gli introiti del 5xMille

Per quanto riguarda il bilancio 2019, è rilevante la crescita degli introiti dal 5xMille che sono aumentati del 55% rispetto al 2018 con un incremento del 21% del numero delle persone che hanno firmato per AIMA nella loro dichiarazione dei redditi.
Le entrate del 2019 rispetto al 2018 sono aumentate del 9,7% mentre le uscite sono aumentate del 3,4%, mitigando il disavanzo di gestione di circa 10% rispetto all’esercizio precedente. In aumento anche il numero dei soci che nel 2019 è stato di 251 e che, nei primi mesi del 2020, è salito di ulteriori 98 unità.

Mente Locale: duecento soci coinvolti nelle attività

Notevole l’attività del centro Mente Locale con 109 soci che hanno frequentato la “Palestra della Memoria” per la stimolazione cognitiva e 102 coinvolti in tutte le altre iniziative di socializzazione e contrasto al decadimento cognitivo (dallo yoga all’arte, dal Qi Gong al teatro, dal Nordic Walking al coro). E proprio per queste attività diverse dalla stimolazione cognitiva, il centro Mente Locale ha ospitato 395 incontri nel corso dell’anno, realizzati grazie all’apporto di 18 professionisti. Il totale dei partecipanti, considerando anche le persone non associate AIMA, è stato di 184. Al di là delle attività ordinarie, il centro Mente Locale ha ospitato anche 86 eventi diversi – da conferenze ad aperitivi, da mostre a concerti – che hanno portato a villa Boffo 1338 partecipanti, contribuendo a disseminare la conoscenza della mission di AIMA Biella.

Palestra della Memoria: 1717 ore di stimolazione cognitiva

Molto rilevante, ha sottolineato il presidente di AIMA, Franco Ferlisi, l’apporto qualificante dei professionisti nelle attività storiche di AIMA, la stimolazione cognitiva e il sostegno a pazienti e familiari. Sono infatti 7 le psicologhe che si alternano negli incontri della Palestra della Memoria, alle quali si aggiungono una psicologa che segue i Caffè Alzheimer e un’assistente sociale per i gruppi di auto-mutuo aiuto. Sono stati 23 i gruppi che hanno partecipato alla Palestra della Memoria tra Biella, Cossato e Vallemosso per un totale 1717 ore di “esercizio”.
«Il personale e i volontari sono le principali risorse di AIMA» ha detto Ferlisi. «Grazie a loro siamo riusciti a raggiungere le persone in difficoltà anche dentro i mesi di blocco forzato delle attività per continuare a offrire aiuto, supporto e vicinanza».

Preziosa collaborazione con ASL Biella e Consorzi socio-assistenziali

Rilevante inoltre e non soltanto riferita al 2019, la solida collaborazione tra AIMA, il Centro della Memoria dell’ASL di Biella e i Consorzi IRIS e CISSABO. Anche sul 2019, AIMA ha finanziato una psicologa per il sostegno alle famiglie presso il Centro della Memoria e un’assistente sociale in compartecipazione con i Consorzi. Questo ha permesso di attivare 43 interventi di sostegno psicologico individuale, 29 gruppi di informazione sulla malattia, di inserire 110 malati in gruppi di supporto e di lavorare in rete con le istituzioni, in primo luogo con la Regione, per affrontare le situazioni più complesse.

Ferlisi: “Si riconosca economicamente al volontariato il ruolo che svolge nella società”

In chiusura di assemblea, Ferlisi ha sottolineato come, in accordo con le altre associazioni del Piemonte con cui AIMA Biella collabora da anni, si stia facendo fronte comune in primo luogo verso la Regione, affinché le organizzazioni di volontariato possano uscire dall’emergenza con un ruolo rafforzato e meglio definito. «Finora il terzo settore è stato lasciato ai margini, nonostante tanti servizi destinati alle persone più fragili stiano sopravvivendo soltanto grazie alle forze del volontariato organizzato. Questo impegno, che è anche di natura economica, passa però sempre in secondo piano tanto che parecchie associazioni tirano avanti con difficoltà e rischiano di dover accantonare progetti e attività che davano sostegno a tante persone. Stiamo quindi chiedendo con forza che il volontariato sia riconosciuto come erogatore di servizi e come tale possa essere destinatario di risorse economiche al pari di altri soggetti».

Ortone: “Le ricadute sociali dell’attività di AIMA sono notevoli”

Da citare l’intervento della geriatra Elena Ortone, da anni nel direttivo di AIMA, che ha voluto testimoniare la rilevanza delle attività di stimolazione cognitiva e di socializzazione. «Proprio nei mesi di blocco, mi sono personalmente accorta di quanto sentissi la mancanza di un luogo come Mente Locale al quale indirizzare le persone che visitavo. Le terapie farmacologiche esistono, lo sappiamo, ma nulla ha il potere di cambiare davvero la qualità della vita dei pazienti e dei loro familiari come un luogo dove si costruiscono relazioni umane e si ha la possibilità di esprimere le proprie potenzialità, qualunque esse siano. Il bilancio “umano” delle ricadute sociali di quello che AIMA sta facendo per la comunità biellese è totalmente positivo, ben al di là della freddezza dei numeri».

A ottobre 2020 riparte il Qi-Gong a Mente Locale

Per informazioni contattate la segreteria del centro entro il 30 settembre.

Dal 24 agosto sono riprese tutte le attività al centro Mente Locale di via Gramsci 29 a Biella.

Con ottobre tornano anche le sedute di Qi-Gong con l’insegnante Raffaella Moretti che molti dei nostri soci già conoscono e apprezzano per averli seguiti in streaming anche durante il periodo di chiusura.

Per informazioni potete contattare, entro il 30 settembre, la segreteria di Mente Locale al numero 015.401767 (da lunedì a venerdì dalle 9 alle 17).

La segreteria è a disposizione per tutte le informazioni sulle attività motorie e di stimolazione cognitiva che AIMA Biella realizza al centro Mente Locale.

Luglio 2020: incontri coi volontari per ritrovarsi e ripartire

Un momento per rivedersi dopo i mesi di distacco forzato e per ritrovarsi a progettare insieme la ripresa post-COVID.
I volontari di AIMA Biella sono stati invitati dal direttivo e dal team del centro Mente Locale a due incontri che si sono svolti giovedì 16 e lunedì 20 luglio 2020.

Sono state occasioni per ragionare insieme su come potranno svilupparsi nuovi progetti che abbiano nei volontari un punto di forza. Un mettere le basi per “riavviare” i motori a pieno regime quando le condizioni lo permetteranno.

AIMA Biella vede nei propri volontari una risorsa importante in termini di competenze, disponibilità e creatività. Una risorsa da valorizzare anche attraverso progetti mirati di cui i volontari siano parte attiva.

«In generale, sono dell’idea» dichiara Franco Ferlisi, presidente di AIMA Biella «che il volontariato non debba servire a surrogare il taglio dei servizi, ma semmai a dare un supporto aggiuntivo. Questi incontri sono stati molto importanti per cementare il nostro gruppo in vista della strutturazione di attività e progetti futuri».

Fra-BI-lity: primi incontri per i volontari a giugno 2020

Percorso di formazione sulla stimolazione cognitiva per portare l’esperienza di AIMA nelle RSA e nei centri diurni.

Nuovo tassello di attività che si aggiunge e completa la ripartenza a pieno regime del centro Mente Locale.

Martedì 23 giugno la dottoressa Stefania Caneparo, psicologa e coordinatrice, ha tenuto il primo incontro del percorso di formazione per volontari cui sarà affidata la realizzazione della prima azione del progetto “Fra-BI-lity: dalla fragilità delle persone all’abilità delle comunità”.

In un processo di disseminazione di competenze, i volontari intraprendono oggi un percorso di stimolazione cognitiva per poi trasformarsi, a loro volta, nei conduttori di laboratori di potenziamento cognitivo all’interno di sette residenze sanitarie assistite e centri diurni del Biellese.
All’interno delle strutture le persone formate da AIMA Biella saranno affiancate da volontari, animatori e personale cui trasmetteranno la conoscenza acquisita in modo che poi passano proseguire in autonomia con le attività.
I volontari che partecipano all’iniziativa sono una dozzina e il loro percorso di formazione durerà fino alla fine dell’anno, attraverso incontri cadenzati.

Il progetto “Fra-BI-lity” di AIMA Biella è tra i nove che hanno ricevuto il finanziamento del bando sociale “Seminare comunità 2.0” di Fondazione Cassa di Risparmio di Biella nel 2020. Sono previste nel complesso quattro azioni di cui la formazione dei volontari è la prima.

Maggio 2020: ripartenza a Mente Locale

Dopo il lock-down ripartono in sicurezza le attività del centro Mente Locale con un nuovo calendario e nuove routine.

Con l’ultima settimana di maggio è ripartita l’attività del centro Mente Locale in via Gramsci 29 a Biella. In questa fase di riavvio è già ripresa la stimolazione cognitiva e sono ripartiti il Qi-Gong, la ginnastica posturale, il laboratorio di arte, disegno e pittura, l’attività “Muoviamoci parlando alla mente” che unisce movimento a esercizi per la memoria.

Il direttivo di AIMA Biella e lo staff di Mente Locale hanno programmato una nuova routine in modo da rispettare le regole di sanificazione e di distanziamento, garantendo così protezione e sicurezza.

Le attività avvengono a piccoli gruppi, utilizzando lo spazio del giardino bioenergetico per quanto possibile, mentre all’interno della villa si è creato un percorso a senso unico per l’ingresso e l’uscita con una postazione per la misurazione della febbre e la distribuzione in vari punti del gel per la sanificazione delle mani. L’attività nelle sale interne è stata riorganizzata in modo da garantire sempre spazio sufficiente tra i partecipanti.

La segreteria di Mente Locale è disponibile al numero 015.401767 perse vuoi avere maggiori informazioni sugli orari e sulle modalità di partecipazione alle attività di Mente Locale in questa fase di ripresa.

Nella settimana precedente l’apertura, tutti gli spazi di villa Boffo che ospitano il centro Mente Locale erano stati sanificati grazie a un intervento coordinato dalla Fondazione Cerino Zegna e realizzato dalla Cooperativa Orso Blu.

Stimolazione cognitiva anche via email

Partita durante i giorni di quarantena, la stimolazione cognitiva via email continuerà in parallelo anche in questa prima fase di riapertura per tutte quelle persone che, per vari motivi, non possono ancora frequentare il centro Mente Locale.

Vuoi sostenere AIMA Biella?
Un modo semplice per sostenere le attività di AIMA Biella è firmare per il 5xMille quando si compila la dichiarazione dei redditi. Il codice fiscale di AIMA Biella è 90020360021. Se vuoi fare una donazione l’IBAN è IT80J0609022300000013620024

Fra-BI-lity: dalla fragilità alla comunità

AIMA Biella è tra i destinatari del contributo del bando Seminare Comunità 2.0 della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella.

AIMA Biella è tra i nove beneficiari del contributo messo a disposizione da Fondazione Cassa di Risparmio di Biella col bando sociale “Seminare comunità 2.0“. Il progetto si intitola “Fra-BI-lity: dalla fragilità delle persone alle abilità della comunità”.

Obiettivi

Gli scopi del progetto partono da una attivazione dei beneficiari in una ottica di promozione e responsabilizzazione e di restituzione alla collettività e comprendono la sperimentazione di nuovi modelli di servizio con realizzazione di nuove prassi che rallentino il decadimento cognitivo. I ultimo ci si pono l’obiettivo del coinvolgimento dei cittadini per ridurre
l’isolamento valorizzare le abilità cognitive promuovere corretti stili di vita e azioni di prevenzione. Il costo complessivo è di 21.778 euro, il contributo è di 13.026 euro (copertura del 59,81% della spesa).

Comunità “Dementia friendly”

L’iniziativa di AIMA Biella rappresenta una prima sperimentazione nel territorio biellese di adesione al movimento di comunità globali che si definiscono ‘Dementia friendly’. Sono comunità che si sono impegnate a migliorare la qualità della vita delle persone con demenza e dei loro familiari, hanno messo in atto un processo di cambiamento sociale per rendere la città, con i suoi spazi, le sue iniziative, le sue relazioni sociali pienamente fruibile per le persone con demenza, evitando esclusione e isolamento. Ampliando il raggio di azione anche ad aree esterne alla città capoluogo, il progetto si compone di 3 fasi operative distinte e una trasversale e di supporto.

Azioni e fasi operative

Azione 1 – Sperimentare la stimolazione cognitiva in collaborazione con 7 tra Residenze Sanitarie Assistite (RSA) e Centri Diurni Alzheimer (CDA) e 4 Centri Incontro Anziani, al fine di stimolare le abilità residue e di favorire la socializzazione dei loro ospiti. La realizzazione di laboratori cognitivi all’interno delle Strutture vedrà, in ottica generativa, la partecipazione di beneficiari che precedentemente hanno seguito un percorso di potenziamento cognitivo (azione 1A) e che a loro volta diventano conduttori dell’attività. I volontari, gli animatori e il personale presenti nelle strutture affiancheranno i conduttori dei laboratori per tutto il percorso al fine di acquisire a loro volta nuove competenze e poter proseguire, al termine del progetto, in totale autonomia quest’ attività.

Azione 2 – Community Dance: in collaborazione con Opificiodellarte realizzare due laboratori in cui insieme persone con deficit cognitivo e non deficitarie, sperimentino la danza, il movimento, l’espressione corporea come veicoli per creare legami tra i partecipanti, inclusione, superamento dello stigma, senso di comunità.

Azione 3 – Formazione per il personale del Comune di Biella, immaginando di definire così un modello (best practice) da replicare in ulteriori contesti di servizio al cittadino presenti sul territorio. All’interno di questo ampio progetto viene data particolare attenzione alla formazione rivolta al personale in forze al Comune di Biella coinvolgendo sia coloro che svolgono attività di sportello/front office (Ufficio anagrafe, stato civile, biblioteca civica) sia il Corpo di Polizia Municipale. La finalità di questo corso di formazione/informazione è di costruire una rete di persone consapevoli e in grado di conoscere in cosa consista la demenza e come si manifesti, di ascoltare, valutare e mettere in atto strategie concrete capaci di rispondere ai bisogni e alle richieste delle persone fragili e loro familiari.

Azione 4 – Comunicare e informare. Campagna di comunicazione e ciclo di incontri publici in cui far conoscere, insieme agli obiettivi e risultati del presente progetto, la fragilità derivata dal decadimento cognitivo e costruire consapevolezza nella comunità locale.

Caffè Alzheimer a Biella martedì 21 gennaio

Piccolo cambio di programma per il primo incontro dell’anno.

Piccolo cambio di programma nell’agenda dei Caffè Alzheimer di gennaio.
L’incontro di Biella si svolgerà martedì 21 gennaio dalle 14.45 alle 15.30, come sempre presso il centro d’incontro Mente Locale in via Gramsci 29. La relatrice sarà la dottoressa Gabriella Braggion e parteciperanno le persone che danno vita ai gruppi di auto-mutuo-aiuto per raccontare la loro esperienza.
Il Caffè Alzheimer è rivolto a persone con decadimento cognitivo, ai loro familiari ma è aperto a chiunque voglia condividere un pomeriggio di informazione e socializzazione. Il caffè sarà servito dalla Caffetteria del centro Mente Locale che è gestita dalla cooperativa Il Mulino di Sordevolo.

I Caffè Alzheimer sono un’iniziativa di AIMA Biella e Fondazione Cerino Zegna che è iniziata ormai diversi anni fa sul modello dei MeetDEM promossi dallo psicologo Bere Miesen in Olanda nel 1997. Informazioni sui Caffè Alzheimer sul sito di AIMA Biella.